Le frequenze del solfeggio.

Battiti binaurali.

⠀⠀⠀ ⠀⠀⠀ ⠀⠀⠀

 battiti binaurali  che voglio proporvi non sono adatti a tutti. Li propongo come uno dei metodi alternativi di armonizzazione per eliminare  i blocchi dal corpo, per migliorare il proprio benessere e di conseguenza per migliorare  il suono prodotto dal corpo. I battiti binaurali sono efficaci e possono avere uno spettro d’ uso molto ampio: per rilassarsi, per la meditazione, lo sviluppo dell’intuizione, aumentare l’efficacia dell’apprendimento, migliorare il sonno, il proprio stato di benessere e per la ricerca di una coscienza profonda. Per darvi delle indicazioni un po’ più precise vi propongo ciò che riporta Wikipedia:

 I toni binaurali (o battiti binaurali dall’ inglese binaural beats) sono dei battimenti  che vengono percepiti dal cervello quando due suoni con frequenza  inferiore ai 1 500 Hz e con differenza inferiore ai 30 Hz vengono ascoltati separatamente attraverso degli auricolari. È importante precisare che tali battimenti non sono conseguenza, come normalmente accade, di una sovrapposizione fisica delle onde sonore (cosa impossibile utilizzando degli auricolari), ma vengono generati direttamente nel cervello. Il fenomeno è stato identificato nel 1839 da Heinrich Wilhelm Dove.

Sempre come informazione generale riporto la citazione dal libro di Serge Wilfart ” Il canto dell’essere”:

“… può  essere utile richiamare la teoria orientale dei chakra, veri i propri centri di energia che scandiscono lo spazio corporeo dal basso al alto.

I principali sono sette:

-il primo, situato alla base del tronco, e il secondo, il chakra genitale, presiedono alla forza sessuale o forza vitale;

-il terzo, il quarto e il quinto chakra, rispettivamente nella zona ombelicale, in quella cardiaca e in quella gutturale, sono le sedi della vita affettiva: essi delimitano la “fascia corporea”;

-il sesto chakra (tra le sopracciglia) e il settimo (alla sommità del cranio) corrispondono alla zona spirituale del corpo.

La voce parlata, con tutto il sistema di fonazione che la produce, è diretamente collegata a questa “fascia affettiva” 3-4-5 dell’ individuo, che ricopre tutta la gabbia toracica, le spalle, la mascella e naturalmente la colonna dorsale. Tuttavia grido e respiro, invece, sono di ordine animale (fascia 1-2); se ne può dedurre che il suono, originariamente corporeo, è stato progressivamente trascinato verso l’alto dalla parola sotto l’influenza degli affetti, finche l’emissione è passata interamente sotto il controlo dell’intelletto.  Poiche d’altronde l’emotivita del bambino prosciuga a poco a poco la sorgente stessa del suo respiro, l’aspirante cantore si ritrova con una funzione pneumofonica atrofizzata.”

Io stessa con piacere utilizzo i battiti binaurali, mi piace molto e mi aiuta a rientrare rapidamente nella norma dopo situazioni spiacevoli o di stress. Tutti noi sappiamo come ciò influisce negativamente sulla nostra voce e sul nostro stato, su come ci sentiamo a pezzi. Con i battiti binaurali agisce positivamente la legge “aiuta te stesso”, senza dottori, psicologi, medicine ed in breve tempo, per lo  meno per me.  In internet potete trovare i battiti binaurali per le più diverse situazioni e per tutti i centri energetici. Ma qui vi propongo di mettere a punto le zone direttamente collegate con la voce e come scrive Serge Wilfart le zone 3-4-5.

Per non impressionare nessuno con una terminologia orientale utilizzerò la parola zona. I battiti binaurali sono monotoni e forse poco piacevoli all’udito, ma  possono essere utili anche a voi. Per ottenere i migliori risultati bisogna ascoltarli in cuffia tenendo conto del lato sinistro e di quello destro. Vi consiglio dei battiti binaurali della durata di un ora per ogni zona, ma se vi sembra troppo, riducete la durata d’ascolto, soprattutto all’inizio. Durante l’ascolto cercate di concentrarvi sulla zona che volete sentire.

Attenzione! Se durante l’ascolto  vi accorgete che il vostro stato generale peggiora, interrompete l’ascolto.

Zona del diaframma

Zona  toracica

Zona della gola

Ed infine battiti binaurali che stimolano le corde vocali.

Le corde vocali

 

 

Toni binaurali 

 

 

Vi sarò grata se vorrete dividere con me le vostre impressioni. I vostri commenti, le vostre osservazioni o punti di vista per me sono molto importanti.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Confirm that you are not a bot - select a man with raised hand:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: